Gratin di porri

Tempo occorrente: 45 minuti

Ingredienti per 4 persone:

4 porri sottili

1 cucchiaio di margarina di soya

1 cucchiaio d’olio extra-vergine d’oliva

1 chiodo di garofano

4 grani di pepe

1 presa di noce moscata

Sale alle erbe

50 gr di farina di kamut

4 dl d’acqua

50 gr di mandorle sfilettate.

Mondare e lavare i porri. Tagliarli in 2 parti e lessarli per 10 minuti in acqua bollente.

Scaldare una pentola anti-aderente e far dorare le mandorle sfilettate. Tenere da parte su un piatto.

Scolare i porri, asciugarli su carta assorbente.

Intanto in un padellino a bordi alti, far scaldare l’altro cucchiaio d’olio extra-vergine d’oliva, unire la farina e il sale alle erbe, piano piano diluire con l’acqua fino ad ottenere una salsa liscia e ben legata. aggiustare di sale, unire una presa di noce moscata grattugiata.

In un mortaio pestare il pepe con il chiodo di garofano e la noce moscata. Far scaldare in una padella la margarina unire sale e le spezie tritate, far insaporire i porri. Adagiare i porri in una pirofila da forno, distribuire uniformemente la salsa vellutata, spolverizzare di mandorle sfilettate. Far cuocere in forno pre-riscaldato a 180° per 30 minuti.

Questa ricetta e’ il risultato di una conversazione con il Farmacista Goloso, durante il pranzo di Profondo Autunno. Splendido pranzo che rientra nel capitolo delle eccezioni alimentari. Meglio che non mi addentri….

4 commenti alla news “Gratin di porri

  • 16 gennaio 2011 at 17:23
    Permalink

    ma che bel gratin! adoro i porri
    proprio oggi ho chiesto a mia madre se me ne prende un po’ al mercato 🙂

    Reply
  • 21 gennaio 2011 at 12:16
    Permalink

    Ottimo pasto Potrebbe essere cucinato anche per una bimba di un anno e mezzo?Senza pepee con pochissimo chiodo di garofano,naturalmente

    Reply
  • 21 gennaio 2011 at 20:54
    Permalink

    Mah…gli ingredienti possono andar bene senza le spezie. L’unica perplessita’ è la fibrosita’ del porro. Forse si potrebbe tagliarli a pezzettini. Che ne dici Lella?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *