Riso basmati e primizie dell’orto

Tempo occorrente: 30 minuti

Ingredienti per 4 persone:

350 gr di riso basmati

200 gr di piselli freschi sgugiati

16 punte di asparagi

100 gr di taccole

La buccia di un limone

Una presa di grani di vaniglia

1 cucchiaio di margarina di soya

2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva

Sale fino marino integrale

Lasciare in emulsione l’olio e la vaniglia.

Grattuggiare la buccia del limone e impastarla con un po’ di sale e la margarina, metterla in forno a quadretti o utilizzando degli stampini per dare una forma.

Lavare e mondare le verdure, tagliare a losanghe le taccole. Mettere a bollire una capace padella d’acqua, cuocere per  4 minuti le verdure tutte insieme. Scolare sotto l’acqua corrente e lasciar raffreddare su carta assorbente. In una ciotola condire le verdure con l’olio emulsionato alla vaniglia.

Intanto in una pentola con coperchio mettere il doppio del volume d’acqua rispetto al riso e portare ad ebollizione. Salare e aggiungere il riso. Far cuocere coperto per 9 minuti. Condire con le verdure alla vaniglia e servire con la margarina al limone.

Prepariamoci alla Festa dell’Aria Pulita:  Sabato 07.05.2011 in Viale Argonne angolo piazza Fusina dalle ore 15.30  si parlerà di come vivere meglio a Milano si sgranocchierà un buffet biologico. Passerà a salutare Giuliano Pisapia.

7 commenti alla news “Riso basmati e primizie dell’orto

  • 1 maggio 2011 at 14:13
    Permalink

    DICE CHE:

    la ricetta è molto carina, sembra quasi il mio risotto primavera… “con-con”.

    Con tutto rispetto per le idee, non capisco cosa c’entri l’endorsement politico al candidato sindaco di milano pisapia con un blog di cucina; ma forse stiamo tornando ai tempi in cui a’ mortaddella era “dde sinistra” e er culatello era dde “ddestra”…?

    Voglio sperare che chi sceglie l’alimentazione vegan non sia ipso facto classificabile in una categoria politica determinata. A prescindere dall’impegno dei singoli, ovviamente!

    (perplessamente) GRAZIE!

    Reply
  • 1 maggio 2011 at 16:51
    Permalink

    olio aromatizzato alla vaniglia! ideona!
    slurp 🙂 buonoooooo !

    Reply
  • 1 maggio 2011 at 22:03
    Permalink

    @farmacista goloso: caro farmacista goloso….vedi che mi trascuri. Già nei post precedenti, avevo segnalato che il mio appoggio al candidato sindaco si radica nella sua attenzione al cibo biologico come strumento per migliorare la vita della città. In uno dei comitati opera il Intergas, che riunisce i gruppi solidali di acquisto per l’area di Milano. Il cibo e l’acqua sono così basilari che non hanno colore politico. Mi sento di sostenere chi li sostiene. Il Vegancamp si è svolto a Camaiore, non è per niente coinvolto dal punto di vista politico. E’ stato un gesto di grandissima apertura invitare me, che non son vegana ed è stata una grandissima sorpres per me incontrare la voglia di comunicare in modo positivo di una comunità che, per la forza della propria scelta, immaginiamo estrema. Spero di aver fugato le tue perplessità.

    Reply
  • 2 maggio 2011 at 20:06
    Permalink

    ottimo! pensa che ho appena comprato il basmati 🙂 un sesto senso…
    ma dove compri la margarina di soya?!!

    Reply
  • 2 maggio 2011 at 20:30
    Permalink

    @symposion: siam connessi! La margarina di soya la trovi nei negozi di alimentazione bio, piccoli o grandi. Attendo tue basmati ricette!! Un saluto, ib

    Reply
  • 3 maggio 2011 at 20:01
    Permalink

    Mi piacciono le tue argomentazioni e sinceramente spero che chi scrive un blog possa spaziare e scrivere di ciò che preferisce, non dovendo categorizzarsi necessariamente in una etichetta, giacchè il blog alla fine è nientemeno che un diario personale…pubblico.
    Spero e mi auguro che sipossa parlare d’altro, oltre che di maionese biovegan, questo mi piace tanto, si parla ci si scambiano cose ed opinioni e ci si scambia un po’ di noi….bello trovare da te persone che danno l’opportunità di farlo.
    Grazie quindi a te e al farmacista, davvero 🙂
    Bibi

    Reply
  • Pingback: In cucina con… Irene Binaghi | Flora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *