Rosa Marchetti Mantecato alle mele

Tempo occorrente: 60 minuti
Ingredienti da agricoltura biodinamica per 4 persone

360 gr di riso Rosa Marchetti semi-lavorato
1 mela
1 zucchina
2 cipolle
1 carota
1 foglia d’alloro
2 chiodi di garofano
4 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva
Noce moscata
La buccia di un limone
30 gr di semi di zucca
Sale marino fino integrale

Preparare un brodo di verdure mettendo in una pentola 1,5 lt d’acqua, la zucchina la carota, la cipolla sbucciata e steccata con i chiodi di garofano, la foglia d’alloro. Far cuocere 20 minuti. Filtrare e tenere in caldo. In due cucchiai d’olio lasciar riposare la buccia grattugiata del limone e una grattata di noce moscata.

Tagliare l’altra cipolla sottilmente farla soffriggere con gli altri due cucchiai d’olio rimasti. Unire il riso e mescolare finché diventa traslucido. Aggiungere il brodo vegetale poco a poco, continuando a mescolare, per circa 40 minuti.
Sbucciare la mela e grattugiarla con la trafila utilizzata normalmente per le carote. Spegnere sotto il riso, unire la mela, i semi di zucca e l’olio aromatizzato alla noce moscata e limone. A questo punto salare, mantecare e lasciar riposare coperto per 10 minuti.

Gli ingredienti provengono dalle Cascine Orsine, un’oasi biodinamica dove i prodotti mantengono la propria forza nutritiva, salutista, pulita e etica. Infatti le metodologie agricole rispettano la terra, gli animali, le persone e, conseguentemente, gli alimenti. Dal 1976 ad Oggi.

8 commenti alla news “Rosa Marchetti Mantecato alle mele

  • 21 marzo 2010 at 22:57
    Permalink

    Il vero mantecato per essere buono deve essere alle mele!

    Reply
  • 22 marzo 2010 at 14:54
    Permalink

    mmmmhhh…son le 4 del pomeriggio e mi è già venuta fame e …di scappare alle cascine Orsine!!! zaino in spalla, anfibietto e si va? )))

    Reply
  • 22 marzo 2010 at 16:35
    Permalink

    Oggi magari no! ma coccolo l’idea di andare a far spesa in cascina il sabato mattina.
    Se vuoi andiamo insieme.

    bacio

    ib

    Reply
  • 22 marzo 2010 at 19:32
    Permalink

    Ciao Irene! Grazie per essere passata a trovarmi. Questa ricetta è ottima e la metto fra quelle da provare. Sono stata contenta di conoscerti sabato e chissà che non ci si ritrovi a far la spesa in cascina. Per la pasta madre scrivimi che te la mando io appena finisce la clausura da varicella.
    isafragola@libero.it

    Reply
  • 23 marzo 2010 at 10:44
    Permalink

    “Sono utilizzati ingredienti bio, senza latticini, senza zucchero, senza lieviti, senza grano, senza uova, senza carne, ma – soprattutto – senza rinunciare all’acquolina in bocca. Questa è quella che chiamo la sfida senza senza.”
    ti leggo qui… ma ero lì… 😉
    che peccato non averti conosciuta di persona!

    Reply
  • 1 aprile 2010 at 22:46
    Permalink

    Adesso ho capito chi sei! Sei tu Irene Binaghi… bello, mi fa piacere averti ri-trovata! E scoprire che siamo compagne di Rosa Marchetti… Con la mela? Faccio anche io qualcosa di simile (le mele le metterei ovunque…). Ma i chiodi di garofano fatico a immaginarmeli nel riso… posso sempre provarci, però.
    A presto

    Sabrine

    Reply
  • 3 aprile 2010 at 11:54
    Permalink

    @cobrizio: alla prossima occasione manifestiamoci…Non lasciamoci scappare.

    @Sabrine d’Aubergine: Bella l’affinita’ alla Rosa Marchetti! Nel senza senza il brodo e’ rigorosamente vegetale: chiodo di garofano e foglia d’alloro fanno l’intensita’. Se provi dimmi cosa ne pensi

    Reply
  • 5 marzo 2012 at 16:32
    Permalink

    Complimenti a voi tutti …
    sono orgogliosissima di CRISTINA.
    VI auguro ,successo x ripagare il ,
    vostro impegno.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *