Passatelli vegani


Martina Liverani ha scritto un libro che tutti i gastro fanatici, i fan di trasmissioni culinarie, gli amanti della cucina regionale, i food blogger dovrebbero leggere: Manuale di cucina sentimentale edizioni Baldini e Castoldi.
I suoi personaggi li incontriamo ogni venerdì sera a Bologna.
Tessa con un lavoro che le piace quanto basta, un fidanzato che va bene quanto basta e una vita numero due da food blogger in cui rivisita i piatti tradizionali.
Cecilia è vegana, figlia di un bagnino della romagna e di una turista svedese, bella tanto da concedersi di vivere come un’elfa scappata, senza cellulare e allevando una pasta madre.
Agata vive a Milano, lavora nella moda, porta la taglia 46 sta perennemente a dieta, cambiandone una a settimana e solo quando torna sotto i portici di Bologna recupera la sua genuinità.
Ogni venerdì cenano a casa di Tessa o di Cecilia, non escono piu’ al ristorante perché hanno deciso che cucinano meglio loro e possono togliersi le scarpe con il tacco. Si raccontano, si ascoltano, si stanno vicine nella intricata mancanza di senso che le circonda. E così facendo trovano le loro domande e si inventano le loro personalissime risposte, ciascuna la sua.
Questi passatelli sono dedicati a loro tre. Piacerebbero a Tessa per il sapore dell’infanzia, a Cecilia perché privi di proteine animali e anche ad Agata che, di sicuro, una dieta a base di zuppe l’ha fatta.
Ma prima di guardare la ricetta diamo un’occhiata agli ingredienti attraverso Dieta e Salute con gli alimenti vegetali, Tecniche Nuove 2012.
Mais: appartiene alla famiglia delle graminacee, è privo di glutine, ha un’azione moderatrice sulla tiroide.

Scalogno: appartiene alla famiglia delle lialacee ricchissimo di acqua, potassio, zolfo, vitamina A, E, C e acido malico ha un potere antimicrobico, antisettico e cardiotonico e diuretico

Carota: appartiene alla famiglia delle ombrellifere ha un elevatissimo contenuto di vitamina A, contiene inoltre sodio, potassio, ferro, calcio, e fosforo. Grazie a questa composizione funziona per mineralizzare sia nella formazione del sangue che nella fluidificazione biliare.

Sedano: appartiene ugualmente alla famiglia delle ombrellifere ha un’alta concentrazione di sodio e potassio, che lo rende importante per la mineralizzazione nei diversi processi, come la carota appunto. Ha proprietà diuretiche è depurativo dei polmoni e stimola le ghiandole surrenali.

Finocchio: appartiene alla famiglia delle ombrellifere contiene vitamina E, ha un alto rapporto sodio/potassio grazie a cui aromatizza ogni preparazione in cui rientra.
Passatelli
Tempo: 6 ore di riposo, 1 ora di preparazione
Per il brodo vegetale
200 gr di finocchio
200 gr di sedano rapa
200 gr di carote
aglio
bacche di ginepro
alloro
sale fino marino integrale
semi di senape
un pezzetto di zenzero
2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva
Per i passatelli
250 gr di farina di ceci,
1,8 dl d’acqua
70 gr di pinoli
30 gr di panura di mais
1 cucchiaino di curcuma
noce moscata
6 bacche di pepe di Szechuan
sale fino marino integrale
buccia di 1 limone
3 spicchi d’aglio

Tritare al mixer i pinoli, la panura, la buccia di limone, i chicchi di pepe di Szechuan, il sale, la curcuma. A parte stemperare la farina di ceci con l’acqua aggiungere il trito di panura, pinoli e aromi, il risultato è una pasta densa ed elastica. Aggiungere 3 spicchi d’aglio interi sbucciati e lasciare riposare sei ore in frigo.
Mondare, lavare le verdure, preparare un brodo abbondante e farlo cuocere a fuoco basso 45 minuti dal bollore, aggiustare di sale, filtrare e dividere in due pentole. In una pentola di brodo aggiungere acqua, sale e 2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva. Passato il tempo di riposo dell’impasto dei passatelli togliere gli spicchi d’aglio rimescolare bene. Una volta raggiunto che il brodo ha raggiunto il bollore aggiungere i passatelli ottenuti facendo passare l’impasto attraverso un passapatate dalla trafila grande. Se necessario utilizzare un coltello per tagliare i passatelli.
Riscaldare anche l’altra pentola di brodo, servire in piatti singoli mettendo in ogni piatto il brodo caldo e i passatelli scolati. In questo modo si mantiene il brodo limpido.

Anche a rischio di rovinare l’effetto sorpresa noi per natale si regala solo Manuale di Cucina sentimentale.
__________________________________________________________________________________________
English Version

Martina Liverani has written a book that every gastro expert, culinary TV program fan, regional cuisine lover, food blogger should read: Manuale di cucina sentimentale, Baldini e Castoldi ed.We meet her characters every Friday night in Bologna, for dinner of course.
Tessa with a job that she likes fair enough, a boyfriend who is good fair enough and a second life as food blogger where she revisits the traditional dishes .
Cecilia, vegan, daughter of a baywatch on the Romagna Riviera and of a Swedish tourist is so beautiful that she as an elf ran away, without a mobile phone and cocooning a natural bread sourdough.
Agatha lives in Milan, working in fashion, waring a size 46 she is always on a diet, a new one every week and only when she comes back to Bologna recovers her real self.
Every Friday they have dinner at the home of Tessa or Cecilia, they do not go out anymore more to the restaurant because they have decided they cook better and at home they can take off their high heels . They chat , they listen, they try to help each other in the intricate lack of meaning that surrounds them. And in doing so they find their questions and make up their very personal answers, eachone her own.
These passatelli are dedicated to three of them. Tessa would love for the taste of childhood, Cecilia the cruelty free ingridients and Agatha, for sure, has already tried a diet on soup basis.
But before looking at the recipe we look at the ingredients through Dieta e Salute con gli alimenti vegetali Tecniche Nuove 2012.
Corn: it belongs to the grass family, is gluten-free, has a moderating influence on the thyroid.

Shallot: it belongs to the family of lialacee full of water , potassium, sulfur , vitamin A, E, C and malic acid has a power antimicrobial, antiseptic and diuretic and cardiotonic.

Carrot: belongs to the family Umbelliferae has a high content of vitamin A, also contains sodium , potassium, iron, calcium, and phosphorus. Thanks to this arrangement works for both mineralize in the formation of the blood in the bile fluid.

Celery: equally belongs to the family of the Umbelliferae has a high concentration of sodium and potassium, which makes it important for mineralization in the various processes , such as carrot precisely. It has diuretic properties is cleansing the lungs and stimulates the adrenal glands.

Fennel: it belongs to the family of Umbelliferae contains vitamin E, has a high sodium / potassium ratio by which every preparation which includes spices.

Time: 6 hours of rest, 1 hour of preparation
For the vegetable broth
200 grams of fennel
200g celeriac
200 grams of carrots
garlic
juniper berries
laurel
Unrefined sea salt
mustard seeds
a small piece of ginger
2 tablespoons extra- virgin olive oil
For passatelli
250 g of chickpea flour,
1.8 dl of water
70 grams of pine nuts
30 grams of corn panura
1 teaspoon of turmeric
nutmeg
6 Szechuan pepper berries
Unrefined sea salt
peel of 1 lemon
3 cloves of garlic

Chop the pine nuts to the mixer, the panura, lemon peel, grains of Szechuan pepper, salt, turmeric . Aside dissolve the gram flour with water add the chopped panura, pine nuts and spices, the result is a thick paste and supple. Add 3 cloves of garlic, peeled and let stand six hours in the fridge.
Clean, wash the vegetables, prepare a hearty broth and cook over low heat 45 minutes from the boil, add salt, filter and split into two pots. In a soup pot, add water, salt and 2 tablespoons of extra- virgin olive oil. After the resting time of the dough passatelli remove the cloves of garlic stir well. Once the broth reaches a boil add passatelli obtained by passing the mixture through a large masher from the die. If necessary, use a knife to cut the passatelli .
Heat also another pot of broth, serve in individual plates by placing the hot broth into each dish and passatelli drained. In this way you keep the broth clear .

Maybe we spoil the Christmas effect, but for sure we will offer only Manuale di Cucina Sentimentale as Christmsas gift.

Un commento alla news “Passatelli vegani

  • 11 marzo 2014 at 1:11
    Permalink

    Can I just say what a relief to discover someone that really knows what they are discussing on the
    net. You certainly realize how to bring a problem to light and make it important.
    A lot more people ought to look at this and understand this
    side of your story. I was surprised that you’re not more popular given that you definitely possess the gift.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *