polpette di borlotti

Tra le molte iniziative di questo fine settimana, ha prevalso lo Yogafestival a cui ha partecipato ITCCA Italia, l’associazione di Tai-Chi di cui faccio parte.

E’ sempre curioso trovarsi immersi in aromi di incenso con mantra come colonna sonora mentre fuori l’autunno avanza facendo venir voglia di pantofole, copertina e divano.

E proprio al desiderio di cibi confortanti dedico questa ricetta che sa di soffritto di casa.
Ma prima di guardare la ricetta, diamo un’occhiata agli ingredienti attraverso le pagine di Dieta e Salute con gli alimenti vegetali, Tecniche Nuove 2012:

Fagiolo: è un legume e come tale apporta una dose importante di proteine vegetali. I legumi assunti con un cereale costituiscono un piatto completo perchè associati insieme compensano le rispettive carenze di aminoacidi.
Il fagiolo è carente di metionina e cistina ma ricco di lisina e triptofano, i cereali sono scarsi di lisina ma ricchi di metionina e cistina.

Carota: appartiene alla famiglia delle ombrellifere ha un elevatissimo contenuto di vitamina A, contiene inoltre sodio, potassio, ferro, calcio, e fosforo. Grazie a questa composizione funziona per mineralizzare sia nella formazione del sangue che nella fluidificazione biliare.

Porro: appartiene alla famiglia delle lialacee ricchissimo di acqua, potassio, zolfo, viamina A, E, C e acido malico ha un potere antimicrobico, antisettico e cardiotonico e diuretico

Sedano: appartiene ugualmente alla famiglia delle ombrellifere ha un’alta concentrazione di sodio e potassio, che lo rende importante per la mineralizzazione nei diversi processi, come la carota appunto. Ha proprietà diuretiche è depurativo dei polmoni e stimola le ghiandole surrenali.

Riso: appartiene alla famiglia delle graminacee, non contiene glutine e nella sua forma integrale contiene fosforo, magnesio e potassio.

Tempo occorrente: 40 minuti di preparazione, 30 minuti di riposo
Ingredienti per 4 persone:
350 gr di borlotti freschi
50 gr di farina di riso integrale
1 foglia d’alloro
rosmarino
Salvia
80 gr di porro
200 gr carote
100 gr di sedano rapa
una manciata di semi di zucca
4 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva
pepe di Cayenna
sale fino marino integrale

Lessare i borlotti per 30 minuti con una foglia d’alloro, salare, pepare con il pepe di Cayenna aggiungere due cucchiaio d’olio e la farina frullare insieme e lasciare riposare 30 minuti con uno spicchio d’aglio sbucciato e un rametto di rosmarino. Intanto preparare un soffritto con il porro, il sedano rapa, le carote, rosmarino e salvia, tagliati sottili. Far soffriggere in una padella con 2 cucchiai d’olio. Frullare la metà del soffritto.
Togliere lo spicchio d’aglio e il rametto di rosmarino, fare delle piccole sfere con l’impasto di borlotti, cuocerle per 15 minuti in forno caldo a 180°. Servire condendo con la salsa in crema e il soffritto. Spolverizzare con semi di zucca.

Un Grazie speciale a Nicoletta e Lilli per le foto.
____________________________________________________________________________________
English Version

This week end there is a lot to do but I went for Yogafestival with ITCCA Italia, the Tai-Chi association I am in.

It ‘s always curious floating in incense’s scent with mantra as soundtrack, while the autumn outside call for slippers, cover and sofa.

And to the very desire of comfort food, I dedicate this recipe that tastes like soffritto.
But before looking at the recipe, let’s peer into the ingredients through the pages of Dieta e Salute con gli alimenti vegetali, Tecniche Nuove 2012.

Bean: is a legume and as such brings a major dose of vegetable protein. Legumes taken with a grain constitute a complete dish because associated together compensate for the respective amino acid deficiencies.
The bean is deficient in methionine and cystine but rich in lysine and tryptophan, cereals are low in lysine but high in methionine and cystine.

Carrot belongs to the Umbelliferae family has a very high content of vitamin A, also contains sodium, potassium, iron, calcium, and phosphorus. Thanks to this arrangement works for both mineralize in the formation of blood in the bile fluid.
Leek : it belongs to the family of lialacee full of water, potassium, sulfur, viamina A, E, C and malic acid has a power antimicrobial, antiseptic and diuretic and cardiotonic.

Celery: equally belongs to the Umbelliferae family has a high concentration of sodium and potassium, which makes it important for the mineralization in the various processes, such as carrot precisely. It has diuretic properties is cleansing the lungs and stimulates the adrenal glands.

Rice: it belongs to the grass family, it does not contain gluten and in its integral form contains phosphorus, magnesium and potassium.

Time required : 40 minutes preparation, 30 minutes of rest
Ingredients for 4 people:
350 gr of fresh borlotti beans
50 gr of brown rice flour
1 bay leaf
rosemary
Salvia
80 gr of leek
200 gr carrots
100 gr celeriac
a handful of pumpkin seeds
4 tablespoons extra- virgin olive oil
Cayenne pepper
Unrefined sea salt

Boil the beans for 30 minutes with a bay leaf, salt and pepper with Cayenne pepper add two tablespoon of olive oil and whisk together the rice flour and let stand for 30 minutes with a clove of garlic and a sprig of rosemary. Meanwhile, sauté the leeks, celeriac, carrots, rosemary and sage, thinly sliced. Fry in a pan with 2 tablespoons of olive oil. Whisk half of the sauce.
Remove the garlic and the rosemary, make small balls with the mixture of beans, cook them in the oven for 15 minutes at 180°. Serve the with the sauce in cream. Sprinkle with pumpkin seeds and fried vegetables.

Thank you to Nicoletta and Lilli for the photos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.