Cioccorisello

Ecco il Cioccorisello, il gusto gelato realizzato in collaborazione con Anna e Adriano della Gelateria Porta Romana dove, nel loro laboratorio a vista, producono delizie dolci, sotto zero. Hanno anche una linea di gelati vegan che servono con la panna montata altrettanto vegan. Ottimi: garantisco per assaggio dal vivo.

In occasione di Taste of Milano abbiamo realizzato insieme un gusto gelato. Siamo partiti da una ricetta di un piatto unico di cucina senza senza a base di carnaroli integrale e legumi e lo abbiamo trasformato in un’onda fresca, dolce e soffice, utilizzando praticamente gli stessi ingredienti: dal salato al dolce, dal caldo al freddo, dal piatto alla coppetta. Qui trovate la versione casalinga, da gelatiera.

Ma prima di gettarci a capofitto nella ricetta diamo un’occhiata agli ingredienti tra le pagine di Dieta e Salute con gli alimenti vegetali, Tecniche Nuove 2012.

Riso: appartiene alla famiglia delle graminacee, non contiene glutine e nella sua forma integrale contiene fosforo, magnesio e potassio.
Piselli: appartiene alla famiglia delle leguminose. E’ diuretico, energetico, aiuta il rigenerarsi dei tessuti e fornisce proteine vegetali.


Tempo occorrente: 50 minuti
Ingredienti per 4 persone:

500 gr di latte di riso
1,5 kg di piselli freschi con baccello
150 gr di sciroppo d’agave
50 gr di fave di cacao

Sgranare i piselli, tenerne da parte 100 gr crudi, bollire il resto in poca acqua per 6 minuti, raffreddare sotto l’acqua corrente e passare al mixer riducendo in crema, con lo sciroppo d’agave.
Diluire la crema di piselli con il latte di riso, mettere nella gelattiera, e far mantecare per 40 minuti. Poco prima che il gelato sia pronto unire le fave di cacao e i piselli crudi.

Gusto trasversale, qualcuno disse. Un Grazie speciale a Cibvs che ci ha invitati a vivere questa esperienza e a Daniela Ferrando, Christian Sarti e Emanuele Bonati che ci han seguito nei minimi dettagli. Grazie all’organizzazione dell’evento per la foto di Taste of Milano qui pubblicata.

English Version:
__________________________________________________________

Here it is the home version of Cioccorisello, ice cream made in collaboration with Anna and Adriano owner of Gelateria Porta Romana where, in their open-view lab, produce delicious sweet below zero degree. They also have a line of vegan ice cream served with whipped vegan cream. Excellent: I guarantee from live tasting.

For a show cooking during Taste of Milano, we have achieved together a new ice cream flavor. We started from a recipe from this blog for a main course made with Carnaroli and legumes, and turned it into a fresh wave, sweet and soft, using virtually the same ingredients: from salty to sweet, from hot to cold, from the plate to the cup. Here you can find the recepi to do at home.

But before we throw ourselves headlong into the recipe let’s look at the ingredients in the pages of Dieta e Salute con gli alimenti vegetali Techniche Nuove 2012.
Rice: it belongs to the grass family, does not contain gluten and in its integral form contains phosphorus, magnesium and potassium.

Peas: it belongs to the legume family. And ‘diuretic, energy, helps the regeneration of tissues and provides vegetable protein.

Time required: 50 minutes
Ingredients for 4 people:

500 gr of rice milk
1.5 kg of fresh peas with pods
150 gr of agave syrup
50 gr of cocoa beans

Shell the peas, take a part 100 g raw, boil the rest in a little water for 6 minutes, cool under running water and go to the mixer reducing cream with agave syrup.
Dilute the cream of peas with rice milk, put in gelattiera, and let stir for 40 minutes. Just before the ice cream is ready to join the cocoa beans and peas raw.

Cross Taste, someone said.
Thank you to Cibvs who invited us to live this experience, especially to Daniela Ferrando, Christian Sarti e Emanuele Bonati who followed us hand in hand, for each tiny detail. And thank you also to the organisation for the Taste of Milano photo.

2 commenti alla news “Cioccorisello

  • 2 giugno 2013 at 7:52
    Permalink

    Goloso e curioso! Peccato non avere nel frigorifero I piselli, altrimenti sarei già all’opera! Complimenti!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *