profondo blu

Ammirando una bavarese dello chef Massimo Livan, mi sono scoperta a pensare che veramente, certe volte, nei piatti sfilano delle opere d’arte.
In questi giorni è passata da Milano un’artista a me molto cara: Luisa Rabbia che ora vive a New York.
E’ partita nel 2000, con il passo determinato di chi è spinto dai propri sogni, ha fatto 1000 lavori prima di riuscire a vivere della sua arte, fino ad incontrare un super gallerista, Peter Blum. Ora è cittadina americana, ma non ha rinunciato a quella italiana.

Le sue opere sono cresciute con lei, ad ogni trasloco, ad ogni svolta, ad ogni materiale utilizzato: dal silicone, alla penna biro, alla carta pesta, alla ceramica, alla porcellana, al video.
Però un colore la segue scorrendo in mille forme attraverso il suo lavoro: un profondo blu.
A Luisa Rabbia, al suo colore preferito, alla sua forza vitale, tenace e sottile, dedico questo dolce.

Ma prima di analizzare la ricetta nel dettaglio vediamo gli ingredienti attraverso le indicazioni del libro Dieta e Salute con gli alimenti vegetali, edizioni Tecniche Nuove 2012:

Mirtillo: appartiene alla famiglia delle Ericacee. Contengono vari elementi tra cui gli eterosidi antocianici che sono fattori vitaminici P, e aumentano la rigenerazione del pigmento fotosensibile della retina.

Mandorla: appartiene alla famiglia delle rosacee, contiene molti lipidi di cui un’alta percentuale di grassi insaturi, proteine, vitamine del gruppo B, ferro, magnesio, calcio e fosforo, zinco, fluoro e iodio.

Soja: appartiene alla famiglia delle Leguminose già diffuse in cina nel 2800 a.C. E’ ricca di proteine, lipidi e carboidrati. Il suo contenuto proteico nei semi essicati è circa ilo doppio di quello della carne fresca di bovino con un ventaglio di aminoacidi più completo degli altri legumi.

Riso: appartiene alla famiglia delle graminacee, non contiene glutine e nella sua forma integrale contiente fosforo, magnesio e potassio.


Tempo occorrente 60 minuti
Ingredienti per 4 persone
250 gr di latte di soya
250 gr di latte di mandorle
60 gr di sciroppo d’agave
2 baccelli di vaniglia
60 gr di farina di riso
250 gr di mirtilli freschi

Stemperare la farina di riso, lo sciroppo d’agave con il latte di soya fino ad ottenere un composto liscio, mettere a scaldare il latte di mandorla, aggiungere dopo pochi minuti il composto di latte di soya e cuocere mescolando per 5-8 minuti fino a veder la crema diventare densa. Dividere in porzioni monodose, mettere in frigo 45 minuti, sformare la crema su ogni piatto e coprire di mirtilli.

Bentornata Lu!
_____________________________________________
English Version

Looking at a dessert by Massimo Livan chef, I really felt that sometimes dishes can look like a piece of art.

In these days poped up in Milan, an artist very dear to me: Luisa Rabbia who now lives in New York.

She left for New York in 2000, with the pace determined by who is driven by her dreams, she did a 100 jobs before she could live thanks to her art.
Now she in an artist of a super art gallery, Peter Blum.
Now she is an American citizen, but has not given up the Italian.

Her work has grown up with her, at every move, every turn, every material used: from silicone, to the ballpoint pen, to paper mache, to pottery, to porcelain, to video.
But a color follows Luisa in a thousand forms: a deep blue.
To Luisa Rabbia, her favorite color, her vitality, I dedicate this sweet, blue cream.

But before going into the recipe we analyze in detail ingredients through Dieta e Salute con gli alimenti vegetali, Tecniche Nuove 2012.

Blueberry: it belongs to the family of Ericaceae.They are rich in various elements including the anthocyanin glycosides which are factors vitamin P, and increase the regeneration of the photosensitive pigment in the retina.

Almond: it belongs to the rose family, contains many lipids in a high percentage of unsaturated fatty acids, protein, B vitamins, iron, magnesium, calcium and phosphorus, zinc, fluorine and iodine.

Soja: it belongs to the family Leguminosae already widespread in China in 2800 BC. It is rich in proteins, lipids and carbohydrates. The protein content in the seeds dried hilum is approximately twice that of the fresh meat of cattle with a more complete range of amino acids of the other legumes.

Rice: it belongs to the grass family, it is gluten free and rich in phosphorus, magnesium and potassium.

Time needed 60 minutes
Ingredients for 4 people
250 gr of soy milk
250 gr of almond milk
60 gr of agave syrup
2 vanilla beans
60 gr of rice flour
250 gr of fresh blueberries

Mix the rice flour, agave syrup with soy milk until the mixture is smooth, put in warm almond milk, add after a few minutes the mixture of soy milk and cook stirring for 5-8 minutes until the cream becomes dense. Divide into individual portions, place in the fridge45 minutes, unmold the cream onto each plate and cover with blueberries.

Lu Welcome back!

Un commento alla news “profondo blu

  • 21 aprile 2013 at 18:41
    Permalink

    ho avuto la fortuna di conoscere Luisa qualche anno fa a san gimignano e dico solo che ho pianto vedendo le sue opere che parlano e fanno percepire e amare l’arte a tutti i ivelli. ma tornando alla ricetta .. che dire irene ha il suo modo di portare l’arte in cucina tanto che spesso dispiace quasi mangiare le sue opere ma sono troppo buone….

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *