Orzucca!

Vi ho parlato già di Pinuccia Rubini, l’Architetto con il pallino della cucina oltre che della progettazione con tanta attenzione al risparmio energetico.
In cucina sperimenta e cerca ispirazione per i suoi progetti quando ha il blocco della pagina bianca…. o meglio il corrispondente per gli architetti del blocco della pagina bianca.
Che si tratti di una cena per settanta persone, la vigilia di natale, o una cenetta tra amiche ci studia e ne emerge con piatti di grande sapienza per rispetto del prodotto, tecnica e rivisitazione delle tradizioni.
E’ sempre stata molto paziente con le mie evoluzioni sempre più senza senza. Anche se mi proponevo di portarmi la mia “schiscetta” si è sempre impuntata per farmi lei delle ricette che potessi mangiar anch’io.
Ed è proprio da lei che ho preso spunto per questo piatto, nella preparazione che utilizza una sola pentola in cui si concentrano i profumi dell’alimento principe: la zucca utilizzata con la sua buccia e accostata al rosmarino. Grazie Pin!
Con questa ricetta partecipiamo a Salutiamoci per il mese di novembre dedicato alla zucca. Questo mese l’iniziativa è ospitata da la via macrobiotica.
Vediamo un attimo gli ingredienti sbirciando Dieta e salute con gli alimenti vegetali:
Zucca: appartiene alla famiglia delle cucurbitacee, sono ricche di fibre e di potassio, fosforo, calcio, e acqua.
Orzo: appartiene alla famiglia delle graminacee, ricco di magnesio e povero di grassi, ha propietà emolienti, e abbassa il colesterolo LDL, quello cattivo
Cipollotto:appartiene alla famiglia delle liliacee, ricca di potassio, zolfo, vitamina A, vitamina E, e acido malico.

Tempo occorrente: 6 ore di ammollo, 40 minuti di preparazione:
1 cipolla rossa
1 carota
100 gr di sedano rapa
1 spicchio d’aglio
1 chiodo di garofano
350 gr d’orzo
500 gr di zucca
il bianco di due cipollotti
4 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva
sale fino marino integrale
rosmarino fresco
Preparare un brodo vegetale con la cipolla, il sedano rapa e le carote dopo averle lavate e sbucciate, aggiungere uno spicchio d’aglio steccato con un chiodo di garofano. Cuocere 20 minuti.
Intanto lavare bene la buccia della zucca, liberarla dei semi e dei filamenti, tagliarla a tocchetti con la buccia.
Far soffriggere olio e bianco del cipollotto affettato sottilmente. Mettere da parte metà del soffritto, far rosolare la zucca a tocchetti nella padella con la metà del soffritto per 10 minuti, toglierla dalla padella e metterla in una ciotola, inumidire con qualche cucchiaiata di brodo vegetale. Nella stessa padella in cui la zucca è giunta a cottura, unire il soffritto avanzato, l’orzo scolato e lavato dall’acqua di ammollo, bagnare con il brodo vegetale e cuocere per 15 minuti, unire la zucca a tocchetti, far cuocere insieme per 5 minuti. Aggiungere un cucchiaio d’olio extra-vergine d’oliva coprire e lasciare mantecare per 2 minuti.
Servire cosparso di aghi di rosmarino spezzettati.

Anche per questa ricetta è stato provvidenziale il contributo in erbe aromatiche della vicina GDF con il suo giardinetto dei semplici vista cortile.
___________________________________________________________________________________________________________
English Version:
I have already spoke about Pinuccia Rubini , the architect with a passion for the kitchen as well as the design with high attention to energy saving.
In the kitchen she work and seeks inspiration for her projects when she faces the stop of the white page …. or better what, for the architects, is the parallel of it.
Whether it’s a dinner for seventy people, Christmas Eve, or a dinner among friends, she always comes up with dishes of great wisdom with respect to the product, and technical review of the traditions.
She has always been very patient with my changes without- without, going further and further. Although I intended to bring my “box-dinner”, she insisted to prepare herself recipes that I could eat too.
It is from her that I was inspired for this dish, the preparation that uses only one pan to concentrate the aromas of the food prince pumpkin used with its peel and turn with rosemary. Thanks Pin !
With this recipe I participate into Salutiamoci contest for the month of November dedicated to the pumpkin. This month you can find every and all recipe in the blog la via macrobiotica.
Let us for a moment peering ingredients through Diet and health with plant food :
Pumpkin: belongs to the family Cucurbitaceae, rich in fiber and potassium, phosphorus, calcium, and water.
Barley: belongs to the grass family, rich in magnesium and low in fat, has emollient properties, and lowers LDL cholesterol, the bad
Onion : it belongs to the lily family, rich in potassium, sulfur, vitamin A, vitamin E, and malic acid.

Time required: 6 hours of soaking, 40 minutes of preparation:
1 red onion
1 carrot
100 grams of celery
1 clove of garlic
1 clove
350 g of barley
500 grams of pumpkin
two white onions
4 tablespoons extra-virgin olive oil
whole sea salt
fresh rosemary
Prepare a vegetable broth with onion, celery and carrots after being washed and peeled, add a clove of garlic fence with a clove. Cook 20 minutes.
Meanwhile wash the skin of the pumpkin, get rid of seeds and filaments, cut the clean pumpkin into small pieces with the skin.
Oil and sauté the onion thinly sliced white. Set aside half of the sauce, sauté the pumpkin pieces in a pan with half the sautéed onions for 10 minutes, remove from the pan and place in a bowl, moisten with a few tablespoons of vegetable broth. In the same pan in which the pumpkin came to cooking, combine the onions advanced and barley drained and washed by water soaking, pour the vegetable stock and cook for 15 minutes, then add the pumpkin pieces, cook together for 5 minutes. Add a tablespoon of extra-virgin olive oil cover and let stir for 2 minutes.
Serve sprinkled with chopped rosemary.

For this recipe was providential the contribution herbs of my neighbor GDF with her garden courtyard with a view from her balcony.

2 commenti alla news “Orzucca!

  • 19 novembre 2012 at 8:21
    Permalink

    Che bella, sembra davvero invitante….grazie per il tuo contributo!!!! 🙂
    Dealma

    Reply
  • 23 novembre 2012 at 18:24
    Permalink

    l’orzucca mi piace già da nome…uno stimolo per mangiare bene e gustoso….il profumo del rosmarino chiude il cerchio del buono!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *