La Porporea, La Ciliegia

Fabrizio mi ha messo in contatto con Donato Lo Vecchio che mi ha raccontato la sua storia di ricerca dell’eccellenza nel mondo delle ciliegie di Conversano: l’eccellenza dell’eccellenza quindi.

Il sistema di produzione messo a punto per coltivare le ciliegie Porporea oltre ad essere biologico al 100% è coadiuvato da stimolanti a base omeopatica e da trattamenti fungicida e antiparassitari completamente naturali, a base di oli. Si tratta di materiale difficile da reperire sui mercati delle concimazioni per questo i prodotti vengono sperimentati per noi e realizzati in laboratori svizzeri da oltre 20 anni.

 Noi siamo i concessionari esclusivisti per tutto il mondo di questa azienda, la Biomaco. E’ un metodo ambizioso perché vuole dimostrare che la chimica in agricoltura ha provocato più danni che benefici, sia all’ecosistema che all’uomo.

Uno dei prodotti più importanti nella realizzazione del progetto Porporea, è l’utilizzo, a solo o in diverse combinazioni, del preparato Clorofil Plus Fogliare. Si tratta di sostanze purissime minerali e vegetali sottoposte a processo di dinamizzazione a potenze omeopatiche DH6/DH12.

Il Clorofil Plus Fogliare si dimostra potente stimolante, utile allo sviluppo delle piante e dei propri frutti. In tutte le fasi del ciclo colturale è di supporto per migliorare le qualità organolettiche dei frutti, la resistenza delle piante agli attacchi parassitari e aumentarne la capacità di sopportare le avversità climatiche (gelo, caldo, umido, ecc..) da parte delle colture.

Ne risultano frutti polposi, croccanti che sprigionano sotto i denti un sapore molto intenso, dolce e ricco di sfumature.  Detto in altri termini creano dipendenza  fisica perche’, una volta assaggiati, le papille gustative si profondono in inchini e ringraziamenti. 

“Non ci sono parole per descrivere i danni fatti dalla grandine, dei giorni scorsi: ha distrutto tutto. Ora bisogna capire da dove ricominciare anche se, non nascondo –  confida Donato – che questo  potrà risultare un test relativo alla capacità delle piante coltivate col nostro sistema di attivare dei meccanismi autorigenerativi.”

 Forse il buon esempio riuscirà a  convincere  altri produttori ad utilizzare questa modalita’ di coltivazione!

E va bene il test, e va bene pure il buon esempio, però diciamolo: questa grandine ha fatto un furto con scasso di questi gioielli belli e buoni!

Un commento alla news “La Porporea, La Ciliegia

  • 18 giugno 2011 at 8:34
    Permalink

    concordo assolutamente con il furto con scasso…che peccato :((
    Bibi

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *