Gnocchi di carote al curry

Tempo occorrente: 60 minuti

Ingredienti per 4 persone:

400 gr di carote

80 gr di farina di riso integrale

3 cipollotti

Una presa di curry

40 gr di mandorle sfilettate

Un rametto di rosmarino

1 stecca di cannella

Sale fino marino integrale

6 cucchiai d’olio extra vergine d’oliva

Portare ad ebollizione una pentola d’acqua e bollire le carote per 18 minuti, finchè siano morbide.

Mondare e lavare i cipollotti. Separare il bianco, affettarlo sottilmente e lasciarlo appassire con 2 cucchiai d’olio, il curry, una presa di sale fino. Intanto passare in una pentola anti aderente le mandorle sfilettate fino a farle dorare.

Scolare le carote, togliere la buccia, mondarle e affettarle. Con un frullatore a immersione passare le carote, la farina e il bianco del cipollotto al curry. Lasciare raffreddare e amalgamare l’impasto.

Intanto affettare sottilmente il verde del cipollotto, spezzare la stecca di cannella e il rametto di rosmarino, passare il tutto nell’olio rimanente. Tenere da parte.

Una volta che l’impasto alle carote ha raggiunto una consistenza elastica e compatta, se necessario, unire altra farina di riso, ottenere un cilindro da tagliare a tocchetti con un coltello. Far cuocere 3 minuti in acqua bollente, quando vengono a galla, scolare e servire con il soffritto di cipollotti, rosmarino e cannella. Decorare con le mandorle sfilettate.

La ricetta giusta per Fa’ la cosa giusta!

9 commenti alla news “Gnocchi di carote al curry

  • 20 marzo 2011 at 12:04
    Permalink

    Mi piaccionoooo!!! sisi, li provo pure io gli gnocchi d carote!! Buona Domenica

    Reply
  • 20 marzo 2011 at 13:33
    Permalink

    Buoniiiii….
    Li voglio provare assolutamente.
    Posso usare lo stesso metodo per fare i gnocchi di zucca o il procedimento è molto diverso??
    A proposito ti seguo da un pò e volevo farti i complimenti per il blog..

    Reply
  • 20 marzo 2011 at 18:14
    Permalink

    @scimmialu’: Ben arrivata! Serena, questo metodo e’ valido per tutte le verdure. Con la farina di riso credo si riescano a tirar su’ anche le palazzine, qualunque gnocco si amalgama perfettamente. Fai solo attenzione che la zucca e’ molto acquosa e potrebbe richiedere piu’ farina.

    @Valina: buona domenica anche a te. Vado subito a vedere cosa hai preparato di buono.

    Reply
  • 21 marzo 2011 at 11:54
    Permalink

    L’idea di questi gnocchi mi stuzzica molto. E poi mi piace anche l’uso sapiente delle spezie (altra cosa che adoro). Insomma mi sa che oggi stesso ci do dentro !
    Buona settimana !

    Reply
  • 24 marzo 2011 at 18:42
    Permalink

    due chiarimenti : negli ingredienti si parla di cipollotti, nella ricetta ad un certo punto compaiono i porri… quindi ?

    Quando si parla di “passare tutto nell’ olio rimanente” cosa si intende ? Non sono un cuoco esperto…

    Grazie e comunque devono essere buonissimi questi gnocchi !

    Reply
  • 25 marzo 2011 at 7:34
    Permalink

    @stefcar: grazie per l’osservazione. Si tratta di cipollotto su tutta la linea, ho corretto nella ricetta.

    Passare nell’olio si intende, soffriggere. E’ gergale: un pò come si dice a Roma cicoria ripassata che significa fatta soffriggere con olio e, in quel caso, aglio e peperoncino. Grazie ancora per passare di qui. Un saluto. Ib

    Reply
  • 30 marzo 2011 at 9:54
    Permalink

    Un bacio e tanti complimenti.
    Piacere di averti conosciuta!
    Smack
    Cri

    Reply
  • 30 marzo 2011 at 14:29
    Permalink

    @Cri: Piacere mio!!! Ti aspetto da queste parti. Un saluto. ib

    Reply
  • Pingback: Food Blogger vincitrici del concorso “Una ricetta sostenibile per Fà la cosa giusta” « Ecocucina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *