fave amaranto e cime di rapa

Tempo occorrente: 6 ore di ammollo, 40 minuti di preparazione

Ingredienti per 4 persone:

400 gr di fave

100 gr di amaranto

1 kg di cime di rapa

3 spicchi d’aglio

6 chiodi di garofano

4 foglie d’alloro

4 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva

Sale alle erbe

Semini di sesamo

Dopo aver lasciato in ammollo per 6 ore le fave, sciacquarle e metterle a cuocere coperte d’acqua  per 40 minuti con 2 spicchi d’aglio sbucciati e steccati con 2 chiodi di garofano ciascuno.

Intanto lavare e mondare le cime di rapa. Sbucciare lo spicchio d’aglio restante e steccarlo con 2 chiodi di garofano. Metterlo a soffriggere con un cucchiaio d’olio, aggiungere le cime di rapa e aggiungere se necessario dell’acqua, cuocere per 20 minuti. Salare

Dopo 20 minuti di cottura aggiungere l’amaranto e cuocere altri 20 minuti. Salare, aggiungere 3 cucchiai d’olio e comporre il piatto con il composto di fave e amaranto, sormontato da una forchettata di cime di rapa. Decorare con semini di sesamo.

Piatto che riscalda e rafforza quando il freddo inizia a mordere. Ci vuole. Proprio come acta quando si realizza quanto precario sia  il lavoro indipendente.

6 commenti alla news “fave amaranto e cime di rapa

  • 18 ottobre 2010 at 18:47
    Permalink

    bello e speziato al punto giusto come piace a me questo piatto, brava irene!
    mi confermi che hai usato fave secche? o congelate?
    ps ti ho risposto sul vecchio post hai letto?

    Reply
  • 18 ottobre 2010 at 19:25
    Permalink

    Super confermato: le fave son secche!!!!

    Reply
  • 19 ottobre 2010 at 19:23
    Permalink

    grazie, io delle fave congelate, adoro il puré di fave!
    tornando alla tua domanda:
    la macro non ti permette di mangiare alcune verdure (pomodori, patate, melanzane, peperoni) che io adoro e poi devi rinunciare a tante cose… in ogni caso ho fatto anche un corso di cucina macro, bello! a presto

    Reply
  • 27 ottobre 2010 at 13:01
    Permalink

    Con questa ricetta sei venuta per un attimo in Puglia e poi hai compiuto un viaggio più lontano per prendere il sesamo. Che bella! Dovrò provarla assolutamente …

    Reply
  • 4 novembre 2010 at 6:56
    Permalink

    mi manca un passaggio: cos’è l’amaranto? e soprattutto dove diavolo si compra?!!? 🙂

    PS Ciao Ire complimenti per il tuo blog sempre più bello!

    Reply
  • 4 novembre 2010 at 7:55
    Permalink

    Ciao Blog Master!!!!!!!!!!!!!!!!! L’amaranto è un cereale piccolo piccolo, di origine sud americana, molto ricco, non ha bisogno di ammollo, cuoce in 15 minuti, e nelle zuppe non lo vedi nemmeno. Lo trovi nei negozi di biologico, sullo scaffale dove sono in mostra i cereali. Comunque crea un pò di spaesamento le prime volte. Fa impressione mangiare qualcosa di cui si sente il nome per la prima volta.
    I tuoi complimenti mi fanno un sacco piacere. Grazie davvero. Un abbraccio. ib

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *