Risi e Bisi in forchetta

Tempo occorrente: 6 ore d’ammollo, 45 minuti di preparazione
Ingredienti per 4 persone

300 gr di taglierini di riso
80 gr di piselli secchi

1 carota
1 cipolla
1 gambo di sedano
2 spicchi d’aglio
2 chiodi di garofano
1 foglia d’alloro

1 cucchiaino di curry
noce moscata
1 mazzetto di prezzemolo

Sale grosso marino integrale
Sale fino marino integrale

1 cucchiaio di margarina
2 cucchiai d’olio extra-vergine d’oliva

Preparare 2 lt di brodo di verdura con 3/4 della carota, 1/2 cipolla, 1/2 gambo di sedano, 1 foglia d’alloro, 1 spicchio d’aglio spellato e steccato con il chiodo di garofano, sale grosso marino integrale, far cucocere 20 minuti.

Intanto affettare a piccolissimi dadi il resto della carota, cipolla e sedano. Preparare un soffritto con la dadolata di aromi, una foglia d’alloro, uno spicchio d’aglio steccato con chiodo di garofano, un cucchiaio d’olio e sale fino marino integrale.

Mescolare la margarina con il curry, noce moscata e un pizzico di sale. Tritare al coltello il prezzemolo.

Una volta pronto il brodo un terzo metterlo in una piccola pentola. Cuocere i piselli per 15 minuti. A cottura ultimata scolare i piselli, raffredarli e unirli al soffritto di.carote, sedano cipolla. Nella pentola grande lasciare il resto del brodo, portare a ebollizione. Cuocere la pasta di riso per 8 minuti. Scolare, condire con la margarina al curry, passare nel sugo ai piselli, servire con prezzemolo tritato.

Accostamento antico ma dalle sfumature inconsuete, come una domenica in citta’ senza auto.

3 commenti alla news “Risi e Bisi in forchetta

  • 7 febbraio 2010 at 16:00
    Permalink

    che bellloooo e buon piattooooo

    Reply
  • 8 febbraio 2010 at 9:40
    Permalink

    Ah, forse così riuscirò a farmi piacere gli spaghetti di riso…

    Reply
  • 8 febbraio 2010 at 23:32
    Permalink

    Un piccolo capolavoro, il piattino, e le foto ormai sono degne della Maestra!
    Suggerirei di ripetere a maggio, per ricordarsi della ricetta della tradizione: risi (veri), bisi (freschi), e… bisàto (ma che sarà mai?) ! (ovviamente rielaborata dall’arte di ib) 😉

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *