Finto sushi e sashimi affumicati

finto-sushi-sashimiIngredienti per 4 persone:
Tempo occorrente: 30 minuti di cottura – 20 minuti di elaborazione

3 fette e di salmone affumicato Peperoncino a piacere
3 fette di spada affumicato
1 carota
1 patata piccola
2 cucchiai di riso
Un cespo di erbette
Paprika
Noce moscata
Sale alle erbe
1 cucchiaino di senape
Il succo di un limone
1 cucchiaio d’olio extra-vergine
12 mandorle
16 pistacchi

Lavare tagliare e cuocere le erbette. Scolarle sotto l’acqua fredda strizzarle bene .
Lessare una patata e una carota.
Lessare 3 cucchi di riso.
Frullare insieme la carota e la patata condire con sale, e paprika, aggiungere il riso.

Tagliuzzare le erbette con il coltello e condirle con sale, abbondante noce moscata ed un filo d’olio.

Preparare la salsa emulsionando senape succo di limone ed olio con una forchetta. Tenere da parte.

Aiutandosi con il tappetino per fare il sushi (si trova in qualunque negozio che vende alimenti asiatici e giapponesi in particolare), stendere un foglio di carta forno su questo una fettina di salmone, disporre degli spinaci poi 3 mandorle e poi ancora spinaci. Arrotolare il tappetino e conseguentemente il rotolino poi tagliare in piccoli segmenti.
Fare lo stesso con una fettina di spada affumicato, spalmare la farcia di riso, carote e patate, disporre sopra 4 pistacchi per fetta, arrotolare il tappetino, e poi dividere in segmenti il rotolino. Servire con la vinaigrette alla senape.

gatta3Sento avvicinarsi sempre più la comparsa delle alghe… nooooooooooo….. Vi prego!……

4 commenti alla news “Finto sushi e sashimi affumicati

  • 19 gennaio 2009 at 21:08
    Permalink

    Mhhh… qui cominciamo a ragionare, mica (ah… questo lombardissimo mica) come quando mi servirono un invitante piattino jap a Parigi, e l’incauto ignorante assaggiando un microgrammo di una strana pallina verdastra che poi seppe chiamarsi wasabi, finì per rovinarsi la già poco digeribile cena…

    E se al posto del noioso salmone ci mettessimo uno scioglievole tonnetto/marlin affumicato? ma quando verrà stagione, un rosso di Carloforte fresco di pescato però, Irene! (so dove trovarlo a giugno)

    Reply
  • 20 gennaio 2009 at 11:02
    Permalink

    qui comincia a farsi sentire l’esigenza di una gita da Castroni …. sia per il tappetino sia per le alghe….

    Reply
  • 3 febbraio 2009 at 19:02
    Permalink

    Mi sta venendo una fame…

    Reply
  • 3 febbraio 2009 at 19:49
    Permalink

    Ma Franz?
    Non mi dici niente dell’astice???????????????????
    Irene senza senza

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *